XIX Edizione del Premio Chimera d’Argento : premiati i paternesi Grazia Scavo e Domenico Arcoria

Cerimonia di premiazione del prestigioso riconoscimento ’Chimera d’Argento “ organizzato dall’Accademia d’Arte “Etrusca”, in collaborazione con la Presidenza del Consiglio Comunale di Catania. La XIX edizione del   Premio Internazionale presso l’Aula Consiliare del Palazzo degli Elefanti a Catania ha visto la partecipazione del primo cittadino Salvo Pogliese e del Presidente del Consiglio. A ricordare l’importanza del premio è intervenuta la stessa Carmen Arena, Presidente dell’Accademia d’Arte Etrusca: “il Premio Internazionale “Chimera d’Argento” nasce con lo scopo di valorizzare l’arte e la cultura della nostra Sicilia, e vuole essere un messaggio, una “chimera” di sicilianità nel mondo”.

Tra i premiati anche i paternesi Grazia Scavo, presidente di Città Viva e il diabetologo Domenico Arcoria.

“Dedico questo premio alla città che mi onoro di rappresentare – commenta Grazia Scavo- e nella quale in questi anni di attività al fianco della mia associazione abbiamo realizzato tante iniziative, culturali e sociali , in un territorio che ne ha davvero bisogno. Considero questo premio non un punto di arrivo ma uno stimolo a continuare con determinazione e passione le attività associative”.

Medesimo riconoscimento al diabetologo Domenico Arcoria che ha ricordato ai presenti l’incidenza e la complessità di una patologia che colpisce migliaia di persone . “Il diabete è una sindrome patologica che colpisce tutte le fasce di età, esso causa molte complicanze spesso gravi ed irreversibili. Oggi , circa il 6% della popolazione italiana ne è affetta e altrettanti non sanno di esserlo. La Sicilia si pone fra le regioni d’Italia a più alta prevalenza di condizione patologica . Si tratta di una malattia, a volte, così invalidante che deteriora la psiche e riduce la qualità di vita in quanto coinvolge vari organi come il sistema cardiovascolare, renale, nervoso, visivo,ecc. Per oltre 30 anni ci siamo occupati, nel nostro centro di diabetologia a Paternò , di prevenire e curare il diabete e le sue complicanze con grande attenzione e professionalità mettendo il paziente e la propria famiglia al centro della nostra attenzione al fine di non trascurare nulla che potrebbe far peggiorare l’evoluzione naturale e la storia di questa grave malattia. Un lavoro che migliora la sofferenza umana ripaga sempre in termini di soddisfazione interiore . Il rapporto di affetto ed amicizia e stima che si instaura con il paziente è qualcosa di indescrivibile,  traferire speranza è già una terapia avanzata che nessuna medicina potrà mai eguagliare ed è per questo che ci siamo, giorno dopo giorno , entusiasmati nella cura di questi pazienti coniugando , sempre , le più moderne terapie a stati di empatia che ci inorgogliscono e ci ripagano , seppur in modo silente, della nostra opera professionale. Ricevere un riconoscimento come la Chimera d’Argento ufficializza e attesta ogni nostro sforzo professionale nel tentativo di alleviare le sofferenze che tale patologia determina ed è per tale motivo che desideriamo ringraziare l’Accademia d’Arte Etrusca per il gradito riconoscimento conferitoci”.

Madrina della manifestazione è stata  Barbara Mirabella, Assessore alla Pubblica Istruzione e alle Pari Opportunità del Comune di Catania. Alla cerimonia,  condotta da Anastasia Di Stefano  con il coordinamento tecnico di Anna Maria Mio, non sono mancati i momenti musicali a cura del M° Giulia Strano (violoncello) e del M° Alessandro Strano (pianoforte).

La “Chimera d’Argento”, il “leone caprino” simbolo dell’Accademia Etrusca, nelle passate edizioni ha visto, tra i premiati, diverse personalità di elevato valore artistico, culturale e sociale, provenienti da varie parti d’Italia, ed è stata celebrata in diversi luoghi prestigiosi della città etnea, Castello Ursino, Museo Diocesano, Palazzo dei Chierici, ed adesso nella Sala Consiliare di Palazzo degli Elefanti.

Redazione Administrator

Be the first to comment

Rispondi