Vuoi un Wi-Fi più veloce? Ecco i nostri 7 consigli!

Capita molte volte che si ci si innervosisca con il segnale Wi-Fi della propria abitazione, poichè quest’ultimo è debole e di conseguenza alcune zone della casa non si può accedere ad Internet. Molte volte sono i muri, gli elementi metallici, i pavimenti, cavi poco isolati e gli elettrodomestici che di fatto sono un ostacolo del nostro segnale Wi-Fi. Per cercare di risolvere questo problema o almeno migliorare la rete “casalinga”, ecco che in questo articolo vi daremo sette utili consigli.

  1. SCEGLI LA POSIZIONE DEL ROUTER. La posizione del router in casa è l’aspetto più importante da tenere in considerazione. Quindi installate il dispositivo in un punto quanto più centrale possibile, in modo da sfruttare al massimo l’estensione della rete senza ostacoli in tutte le direzioni. Inoltre se l’allaccio telefonico si trova in una delle estremità dell’appartamento il consiglio è quello di prolungare il cavo e installare una presa nel punto desiderato.
  2. EVITA GLI OSTACOLI. La posizione del router Wi-Fi dovrebbe essere scelta in modo che la diffusione delle onde radio sia ostacolata il meno possibile da muri ed altri tipi di barriere. In questo caso il consiglio è quello di alzare il router all’altezza del viso e guardarsi intorno: quindi il punto migliore per la posizione del dispositivo è quello in cui, nei limiti del possibile, la linea dello sguardo riesce ad arrivare più lontana possibile senza incontrare un muro, un mobile o altri ostacoli. 
  3. SOLLEVA IL ROUTER DAL PAVIMENTO. Le antenne del router emettono le onde radio prevalentemente verso il basso. Quindi è utile posizionare il router in una postazione elevata (appeso ad un muro o su un mobile molto alto), evitando così di diffondere il network verso la cantina o magari verso l’appartamento dell’inquilino del piano di sotto.
  4. MINIMIZZA LE INTERFERENZE. Le interferenze generate da altri elettrodomestici sono una causa di degradamento del segnale Wi-Fi più frequente di quanto si pensi. Il forno a microonde è il principale indiziato: se ne possedete uno, tenetelo quanto più lontano possibile dal router. Gli stessi telefoni cordless che funzionano sui 2.4 o 5GHz possono interferire con il Wi-Fi, così come tutti gli altri dispositivi che operano sulla stessa banda, quindi i vari ripetitori video, monitor per bambini e, anche le reti Wi-Fi dei vicini se abitate in un condominio.
  5. ORIENTARE LE ANTENNE. Se il vostro router dispone di due antenne esterne, posizionatene una in verticale e l’altra in orizzontale. In questo modo è possibile allineare al meglio le onde con la posizione delle antenne che si trovano all’interno dei dispositivi. Nel caso di uno smartphone o di un tablet il problema non si pone, perché l’orientamento dell’antenna cambia a seconda di come li impugniamo, mentre nel caso di un laptop, la cui antenna è solitamente parallela alla superficie della scrivania, l’antenna posizionata in orizzontale potrebbe offrire qualche miglioramento.
  6. PASSA A 5GHZ. I recenti router offrondo all’utente la possibilità di attivare una seconda rete senza fili a 5 GHz, meno soggetta alle interferenze con elettrodomestici e altre reti (ma un po’ meno estesa della rete a 2,4GHz). Per poter sfruttare la Wi-Fi a 5GHz i dispositivi devono essere compatibili con il protocollo 802.11n o il più recente (e più veloce) 802.11ac. Le modalità di installazione della rete a frequenza maggiore cambiano a seconda del router utilizzato, che ovviamente deve offrire questa funzionalità. Fate una ricerca su Google o sul sito del vostro produttore, troverete una guida molto dettagliata per l’attivazione della seconda rete. 
  7. LE APP PER MAPPARE IL SEGNALE.La mappatura della rete è il metodo migliore per verificare l’esistenza di scarsa copertura e rivedere la posizione del router di conseguenza. Per misurare l’effettiva ricezione del segnale Wi-Fi e scoprire interferenze indesiderate si possono utilizzare alcune applicazioni gratuite per PC, Mac o smartphone. Su PC c’è HeatMapper (gratis dopo la registrazione alla newsletter), su Mac è disponibile NetSpot (gratuito sul Mac App Store). Mentre per iPhone o smartphone Android è disponibile WiFi Maximiser, app gratuita sviluppata dell’operatore Telstra (scaricabile dall’App Store e da Play Store ).

Infine se si è impossibilitati a riposizionare il router o quando gli elementi strutturali della casa rendono impossibile qualsiasi aggiustamento, l’unica strada da percorrere è quella di adoperare un cosiddetto WI-FI EXTENDER, cioè un dispositivo capace di collegarsi alla rete principale e generarne una nuova, amplificata, che arriva a coprire un’area più estesa. L’extender va posizionato in una zona in cui il segnale inizia ad indebolirsi. Tutti i maggiori produttori ne hanno in listino almeno uno e i prezzi possono variare parecchio a seconda delle caratteristiche. Verificate sempre la compatibilità con i protocolli di trasmissione offerti dal vostro router principale. Per quanto tutti assicurino spesso compatibilità totale con router di altre marche, ricorrere ad un extender dello stesso produttore può evitare grattacapi e inconvenienti legati alle differenze nei software dei dispositivi.

Teklab

Be the first to comment

Rispondi