Vandalizzata una scuola dell’infanzia . Vergogna

Vergogna è la parola che non ci stancheremo mai di pronunciare quando si verificano atti meschini come la distruzione di una scuola, un luogo che appartiene ai bambini e ad ognuno di noi. Si tratta di un atto due volte meschino proprio per la natura del luogo.

Lunedì scorso la scuola dell’infanzia San Francesco (in Contrada Trappetazzo) è stata presa di mira da gente che andrebbe cancellata. Abbiamo sentito il vice sindaco Ignazio Mannino che ha dichiarato che è già stato effettuato un sopralluogo insieme alle unità competenti per valutare l’entità dei danni, la funzionalità del sistema di allarme (che non funziona da circa sei anni) al fine di ripristinare subito, almeno al 50%, la funzionalità della scuola per consentire ai bambini la frequenza.

“Quello che l’amministrazione deve fare in questi casi è intervenire tempestivamente perché non ci pieghiamo a simili gesti”.

Il vice sindaco si augura, e noi con lui, che la gente possa capire il valore della cosa comune e rispettarla.

Parliamo ancora e sempre di senso civico.

Cettina Caliò
Cettina Caliò Autori Zonafranca
Cettina Caliò dice di sé: “Nasco ossimoro: sono un sognatore realista”, e dicono di lei: “Sei una rompiballe epica”. Ha studiato presso la Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori di Roma e presso la Facoltà di lingue e letterature straniere di Catania. Scrive per Zona Franca da tre anni; lo ha visto nascere al tavolo di un bar, una mattina di primavera. Si occupa di insegnamento privato e di insegnamento on-line della lingua inglese. Scrive poesie e racconti. Sostiene di scrivere perché ha nostalgia di tutti i momenti in cui si è sentita viva. Ama le parole di due sillabe e gli autogrill. La musica classica è la sua variante del silenzio. Divide le persone in due categorie: quelle in gamba e quelle che non lo sono. Legge molto perché, afferma, le piace andare lontano restando vicino. Ha pubblicato 4 libri di poesie e ottenuto significativi riconoscimenti in ambito nazionale. Figura su riviste e antologie letterarie.

Be the first to comment

Rispondi