Un verso e un incipit

Quest’ora del respiro, questa pena

porta con sé per sempre la tua grazia

 

posso amarti ogni volta a tua insaputa,

distante che non sai quante distanze

 

compie il mio passo che ti segue ovunque

dove non sei, dove non sai di essere

 

Francesco Scarabicchi  ̶  Poesie

 

NOTA

Francesco Scarabicchi anconetano, classe 51. Nei suoi versi, vibranti e luminosi, la dimostrazione della semplicità che è grandezza. La sua parola cade verticale sull’emozione e lascia il segno.

 

                              …….. ……… …….. …….    ……..

 

Feci un altro passo. Nella mia lingua si dice soffrire come un cane. In quella dei cani non lo so (…) avevo freddo fin dentro la memoria. Tutti i miei ricordi avevano le labbra viola.

 

Viola Di Grado – Settanta acrilico trenta lana

 

 

NOTA

 Viola Di Grado, catanese, poco più che ventenne. In questo suo primo romanzo racconta la rottura e l’inverno dell’anima che pare non finire mai. E lo fa con una grazia graffiante.

Be the first to comment

Rispondi