“U misi di S. Barbara “, un mese ai festeggiamenti

L’accoglienza del busto reliquiario di Santa Barbara nella parrocchia San Giovanni Bosco di Paternò ci ricorda che manca un mese ai festeggiamenti dell’amata patrona.

Ogni anno, il 3 novembre, inizia ufficialmente quello che viene chiamato “U misi i Santa Barbara”. Lo scampanio festoso delle campane e la sfilata del corpo bandistico per le vie della città annunciano ai cittadini che manca un mese alle celebrazioni in onore di Santa Barbara, patrona della città. A partire dal 3 novembre, giorno in cui come da tradizione prendono il via i riti religiosi barbarini, fino al prossimo mese, i paternesi cominciano a respirare quell’aria di festa che culminerà il prossimo 4 dicembre con la festa vera e propria dedicata al culto dell’amata patrona. La preparazione alla festa, dal punto di vista spirituale, avràinizio il prossimo 18 novembre con la tradizionale quindicina in onore alla Santa. La quindicina si concludegiorno 2 dicembre, la cosiddetta “Giornata del Cereo”, e darà così il via alle varie giornate di festa: il 3, giorno delle reliquie, il 4, giorno del martirio di Santa Barbara, ed il 5, giorno del pontificale.

Quest’anno a dare il via ai festeggiamenti vi è l’accoglienza del busto reliquiario dell’amata patrona da parte della comunità parrocchiale San Giovanni Bosco di Paternò.

Il busto verrà accolto nella parrocchia San Giovanni Bosco alle ore 17:00 di giorno 3 novembre. Alle ore 18 ci sarà la solenne Celebrazione Eucaristica presieduta dal Rev. Sac. Francesco Leonardi, parroco della parrocchia Santa Maria del Carmelo in Canalicchio Catania.

Il busto reliquiario resterà in parrocchia fino all’indomani, il cui momento culminante sarà la solenne Celebrazione Eucaristica presieduta dal Rev. Sac. Salvatore Magrì, parroco della parrocchia Santa Barbara di Paternò. A conclusione, omaggio a Santa Barbara curato dalla corale “Magnificat”.

Non ci resta che vivere appieno queste settimane di attesa prima di poter gridare anche quest’anno “Viva Santa Barbara!”

Be the first to comment

Rispondi