Turismo alternativo: presto su YouGuide la Paternò che ama raccontare e mostrare

Un modo alternativo per raccontare il turismo ma soprattutto per viverlo: si chiama YouGuide ed è un’app frutto della collaborazione di 4 giovani toscani, Enrico Faccioli, Alex Lucas Lenti, Salvatore Montana e Gianmaria Parigi Bini.

Al loro estro spetta il merito di aver pensato e poi ideato un’app in grado di raccontare le leggende, i miti e le storie nascoste che ogni città possiede e che spesso neppure gli stessi abitanti conoscono. L’idea è venuta per caso ad Alex mentre era in fila per fare il passaporto nella sua città: “Sarebbe bello conoscere le storie nascoste di tutte le città”; detto e fatto. Da lì a poco le sue vulcaniche idee si sono concretizzate in una start up che punta a una diffusione internazionale.

Il funzionamento dell’app è molto semplice, anche se al momento è possibile farlo solo da Android: una volta scaricata la mappa, è possibile scegliere il tour e ascoltare una storia corredata da immagini. Inutile dire che le potenzialità di questo strumento sono davvero infinite, e ci fa davvero piacere apprendere che presto la nuova app sarà implementata da contenuti che riguardano la città di Paternò.

La cittadina etnea, già celebre per le Salinelle e per le straordinarie bellezze paesaggistiche e monumentali (si pensi alla collina storica), oltre che per il Castello Normanno, presto  potrà far conoscere ai visitatori anche le tante storie che le conferiscono quell’aura di mistero che tanto attira le vecchie e nuove generazioni. Si tratta di storie inedite o comunque poco conosciute che Zona Franca ha già iniziato a pubblicare dallo scorso mese nella sezione Zona Leggenda.

Grazie all’associazione “Pennagramma- Circolo letterario” in collaborazione con Zona Franca e altre associazioni  e all’interessamento di un editore, in programma un concorso che punterà a coinvolgere le risorse del territorio per trasformare in modo originale le storie raccolte. Sono storie che raccontano alcuni personaggi della nostra isola, alcuni immaginari e altri reali, trasfigurati, dall’immaginazione.  I racconti più originali entreranno di diritto nell’app YouGuide. Un volume raccoglierà tutte le storie, perché la leggenda è patrimonio culturale di ogni popolo e ha lo scopo di intrattenere e istruire attraverso l’esempio.  A questo punto occorre la collaborazione di tutti, convinti come siamo che la città abbia tanto da raccontare e altrettanto da mostrare.

 

Redazione Administrator

Be the first to comment

Rispondi