Raccolta differenziata, tolleranza zero e impennata delle percentuali. Il Comandante La Spina: “Occorre senso civico e collaborazione”

La questione della raccolta differenziata è da parecchio tempo motivo di profondo scontento fra i cittadini di molti comuni e di disagio per tante amministrazioni. Non si riesce ad arginare un circolo vizioso che vede da una parte da parte cittadini con  una conoscenza approssimativa dei criteri di gestione, assegnazione e smaltimento dei rifiuti, dall’altra l’incapacità di un servizo che non riesce a garantire un servizio essenziale.

Di recente il pugno duro dell’Amministrazione Naso che ha avviato la strategia della “tolleranza zero” nei confronti di chi insiste a non conferire correttamente o a farlo in modo approssimativo. Una decisione che nei primi giorni ha creato non pochi problemi: sui sacchetti il bollino rosso “errato conferimento” ha inasprito gli animi, soprattutto perché i rifiuti  rimangono  in  strada, tra le alte temperature, in balia  degli animali randagi.  Non è stato semplice contrastare lo spettacolo poco edificante di una città che non ha mai brillato per pulizia. Tra le lamentele dei cittadini la mancanza di un’informazione puntuale che potesse spiegare, una volta per tutte,  ai cittadini che cosa conferire e soprattutto come. La Dusty , di concerto con l’Amministrazione, ha predisposto degli info point in diverse zone della città. E’ bastato ? Certamente no, però qualcosa si muove. Gli ultimi dati della Dusty parlano chiaro: si è passati dal 40% del mese scorso a una percentuale che supera il 50%, con grande soddisfazione dell’assessore Luigi Gulisano che sta lavorando incessantemente al fianco dei Vigili Urbani. “Nell’ultimo mese  sono state elevate centinaia di multe per l’errato conferimento;  siamo impegnati giornalmente a contrastare il fenomeno delle micro discariche , in un territorio piuttosto esteso, ma oggi più che mai abbiamo bisogno del supporto della gente che ha il diritto di vedere la propria città pulita, ma anche il dovere di mantenerla tale. Ringrazio i cittadini che hanno capito e che ci aiutano , la Dusty sempre collaborativa  e tutto il corpo dei  Vigili Urbani, che si sta adoperando con ogni mezzo ”.  Analoghe le considerazioni del Comandante dei vigili Urbani, Antonino La Spina che evidenzia la mancanza di senso civico di molti cittadini: “ molto spesso- dice il Comandante- il problema non è la mancanza di informazione ma la superficialità di chi insiste a conferire in modo inappropriato, rendendo davvero difficile la raccolta ma anche i controlli. Le multe sono state elevate, speriamo che almeno questo rappresenti un deterrente. Auspichiamo una maggiore collaborazione da parte dei cittadini che devono imparare a voler bene di più la loro città”.

Ci permettiamo in chiusura una riflessione: il decoro e l’igiene ambientale dovrebbero essere un tema caro a tutti, amministrazioni e cittadini. Per tale ragione sarebbe auspicabile, anche per l’interruzione di circoli viziosi, un lavoro di squadra: da un lato l’efficienza dell’amministrazione, dall’altro il senso civico di noi cittadini per rendere più vivibile il luogo che abitiamo.

Abbiamo un obiettivo da raggiungere , entro la fine dell’anno la percentuale dovrà salire ulteriormente al 65% , così come impone la normativa in vigore in materia di rifiuti. Continuiamo a credere che Paternò possa alzare la testa !

Redazione Administrator

Be the first to comment

Rispondi