Progetto   Bookcrossing”: leggere in azienda!

La lettura come progetto ma anche come strumento di benessere. Si è discusso molto sullo straordinario potenziale terapeutico dei libri mettendo in evidenza il fatto che leggere può essere d’aiuto nelle varie fasi della vita di ogni individuo. Questa considerazione non esclude che il concetto di benessere si possa e si debba ritrovare anche nell’ambito aziendale. Come? Si chiama Bookcrossing e consiste nel trasformare uno spazio in azienda creando una vera e propria biblioteca a disposizione di tutti. Questo è quello che è successo anche a Paternò all’interno di un’azienda, dove tre dipendenti, legate dalla passione della lettura, da un semplice confronto, hanno dato vita ad una vera e propria biblioteca in azienda. “La lettura, sin da piccola, mi ha sempre donato momenti indimenticabili. Il viaggio all’interno di ogni storia stimola la mia curiosità – ci racconta Anna Fusto, una delle promotrici dell’iniziativa- e mi permette di scoprire mondi paralleli, personaggi intriganti, paesaggi fantastici. Questo, e molto altro ancora, è per me la lettura. E per questi motivi, spero che il progetto “Book crossing” permetta anche ad altre persone di conoscere e apprezzare le gioie della lettura.” È il Bookcrossing letteralmente “passaggio di libri” ,che trasforma il mondo intero in una grande libreria itinerante, dove la conoscenza e i saperi sono lasciati liberi di passare da una mano all’altra, da una mente all’altra, così la forza e il valore di un libro si sprigionano nella condivisione sociale. “Ho condiviso l’avvio di questo progetto – racconta Sara Distefano, altra promotrice dell’iniziativa in azienda – mossa dalla convinzione e dalla consapevolezza che la lettura permette ad ognuno di noi di ritrovarsi nella storia e nelle parole di chi ha voluto lasciare un’eterna emozione. Ogni libro lasciato nella nostra libreria è metafora di una parte di sé stessi. L’abbiamo immaginata come un insieme di individualità che formano una grande storia, ognuno sta partecipando ad una storia… con il libro che preferisce!”. In effetti cominciano a essere numerose le aziende che vedono nascere al loro interno, spesso su iniziativa dei dipendenti, piccole biblioteche per condividere la passione per la lettura. Per molti l’amore per la lettura può essere comunque una molla che aiuta a migliorare il clima lavorativo e a compattare il team di lavoro. Che si chiami bookcrossing o booksharing, che abbia la forma di una biblioteca o di una semplice mensola, l’amore per un libro non può che far bene all’ambiente lavorativo, anche e soprattutto nell’era 2.0.

Be the first to comment

Rispondi