Paternò ospita la presentazione del libro “Storia dei Mediterranei”

Martedì 13 novembre, alle ore 17,00, nella sala della Biblioteca Comunale “G. B. Nicolosi” di Paternò si svolgerà la presentazione del libro “Storia dei Mediterranei“. Dopo i saluti del Sindaco Antonino Naso e una breve introduzione al tema da parte di Mimmo Chisari, Presidente di SiciliAntica Paternò, sono previsti, in ordine, gli interventi di Massimo Cultraro, primo ricercatore dell’IBAM CNR (Istituto Beni Archeologici e Monumentali e Consiglio Nazionale delle Ricerche), Massimo Frasca, docente di Archeologia Classica, Università di Catania, Carlo Ruta, Saggista e storico contemporaneo, e Costanza Lentini già direttore del Polo regionale di Catania per i siti culturali. Il libro è frutto del lavoro di tredici studiosi di alto profilo e prestigio accademico i quali hanno dato il proprio contribuito, attraverso metodologie innovative, al fine di mettere in risalto la pluridisciplinarità dell’argomento. Ed ecco che il Mediterraneo sulle cui sponde si affacciano diversi popoli diventa la Storia non del Mediterraneo ma dei Mediterranei, come amava definirlo il grande storico Braudel. Gli autori indagano, in un percorso che va dalla protostoria al Medioevo, la vita sociale di un popolo ma anche quella quotidiana facendo notare le differenze tra nord e sud, tra oriente e occidente, i punti di contatto ma anche le divergenze e i conflitti di queste diverse civiltà. Un metodo che potrebbe essere di esempio anche per gli appassionati e i ricercatori di Storia locale del nostro territorio i quali, abbandonando ogni campanilismo, dovrebbero avere una visione più ampia per ricucire tutti i tasselli disseminati e confusi delle varie “cronache” paesane earrivare così al racconto corale della grande Valle del Simeto (fiume che come il mare è stato nell’antichità un elemento di amalgama dei vari popoli che si sono,nei suoi assolati poggi, stanziati) con tutti i suoi itinerari storico-culturali: da quello preistorico a quello dell’età greca e del periodo medievale.  

Mimmo Chisari
Mimmo Chisari Autori Zonafranca

Be the first to comment

Rispondi