Paterno’, in arrivo un finanziamento europeo per il progetto Life

Paternò ha ottenuto il finanziamento per il progetto europeo LIFE.  Pare che siano stati accettati solo 36 finanziamenti in tutta Europa, e Paternò è l’unico paese del centro-sud ad averlo ottenuto. Il progetto LIFE è un progetto di adattamento ai cambiamenti climatici che prevede la realizzazione di piccole infrastrutture a scopo sperimentale per contrastare gli effetti dei cambiamenti e dei frequenti fenomeni di natura alluvionale. Prevede inoltre attività di sensibilizzazione delle comunità e di formazione degli addetti ai lavori per una Valle del Simeto più resiliente.

Il progetto è stato realizzato in partenariato con l’università di Catania e i comuni di Ragalna e S. Maria di Licodia, ed è finanziato dalla Comunità Europea per un importo di € 568.037. Con il cofinanziamento di tutti i partner, il progetto raggiunge l’importo totale di € 2.997.382.

Il vice sindaco Ignazio Mannino ha dichiarato:”Un nuovo ambizioso obiettivo quello raggiunto oggi dal Comune di Paternò, il quale dopo un percorso non semplice può finalmente vantare di essere entrato a far parte del progetto Life. Un progetto prestigioso che rientra in un più ampio contesto di programmazione di finanziamento della Unione Europea volto ad elaborare misure specifiche in merito all’adattamento ai cambiamenti climatici.
L’ obiettivo specifico del progetto è, in particolare, «sviluppare, sperimentare e dimostrare approcci politici o di gestione, buone pratiche e soluzioni, compresi lo sviluppo e la dimostrazione di tecnologie innovative, alle sfide ambientali, adatti ad essere replicati, trasferiti o integrati, anche in relazione al legame tra ambiente e salute, e a sostegno delle politiche e della legislazione in materia di efficienza nell’uso delle risorse, compresa la tabella di marcia per un’Europa efficiente sotto il profilo delle risorse».

L’obiettivo generale è – invece – promuovere la realizzazione di interventi in ambito urbano che mirino all’attuazione del principio di invarianza idraulica, ovvero consentire al ciclo dell’acqua di compiersi senza eccessive disfunzioni dovute alle opere antropiche, tra cui l’aumento dell’impermeabilizzazione del suolo, e la cementificazione.
L’originalità consiste nel nuovo approccio di gestione il quale intende comprendere, in particolare, la sperimentazione congiunta di attori pubblici, privati e della società civile lungo catene del valore che potenzialmente avranno effetti positivi, diretti e misurabili, sull’ambiente.

Doveroso è un cenno alla storia, anche politico-amministrativa che ha condotto a questo insperato risultato. Nel 2015, a seguito di un sinergico lavoro condotto dai Partner del progetto, ovvero il Comune di Paterno’, S.Maria di Licodia, Ragalna, Università degli studi di Catania-dipartimento di ingegneria ed Architettura, ed il supporto del Presidio Patto del Fiume e diversi istituti scolastici, fu presentata la candidatura al programma EU Life.
Tale progetto, presentato ed elaborato nel corso della scorsa legislatura, non fu ammesso a finanziamento a seguito di una serie di criticità sollevate dalla Commissione Europea. Nel 2017 come portavoce della considerazione dell’importanza rappresentata da questa iniziativa, rappresentai il Comune di Paternò in un incontro ad hoc tenutosi presso il Comune di Santa Maria di Licodia nel corso del quale l’Amministrazione a guida Naso decise in modo fermo di investire risorse intellettuali al fine di superare le criticità del progetto iniziale onde poter riproporre nella programmazione UE Life 2017 la candidatura per l’ammissione al finanziamento. Fu una scelta vincente dato che la richiesta è stata accolta nel 2018.

E’ giusto riconoscere ai soggetti attori dal 2015 ad oggi la capacità di aver messo in campo risorse ed intelligenze per raggiungere un obiettivo prestigioso che non si ferma al finanziamento economico ed all’intervento infrastrutturale ma che si pone l’obiettivo di formare, informare e preparare le conoscenze e le coscienze rispetto alla necessità di attrezzarsi e resistere alle potenziali e gravi conseguenze dei cambiamenti climatici e pertanto sviluppare una “resilienza” comunitaria.
Il progetto Life, dopo la green week, dirige la nostra Paternò – in maniera sinergica – verso la filosofia ambientalista Europea ed alla visione di una più ampia politica di green economy legata ad interventi sostenibili e a tutela dell’ambiente.
Life non è un semplice finanziamento, è un modo di concepire le scelte legate agli interventi strutturali legati alla salvaguardia dell’ambiente ed in coesione con lo stesso.

L’intervento finanziato per un importo complessivo di 2.997.832 è così composto: 568.307 è la quota di cofinanziamento messa a disposizione dei partner e riguarda anche risorse umane ed interventi già pianificati e 955.919 la quota messa a disposizione dalla comunità europea.
Gli interventi interamente finanziati dal Life che riguarderanno il nostro comune ammontano a 113.000 e riguardano il miglioramento della permeabilità delle aree Parco Moncada e Parco del Sole”.

Redazione Administrator

Be the first to comment

Rispondi