Paternò: a breve il bando sulla vendita dell’ex Albergo Sicilia

Da anni i locali dell’ex Albergo Sicilia, sito in via V. Emanuele n. 391 a Paternò, versano in condizioni di incuria e di abbandono. In stallo, fermo con le quattro frecce, l’immobile attende nuova vita. Ad esserne interessata la città metropolitana di Ct, proprietaria della struttura, che dopo attente valutazioni è pervenuta alla conclusione di mettere in vendita l’intero edificio, comprese le aree esterne di pertinenza, delineando così un’inversione di tendenza rispetto ai bandi previsti in precedenza, che ne disponevano il solo affitto.
È di qualche giorno fa la visita del Sindaco di Ct, l’on. Salvo Pogliese, al Primo Cittadino Nino Naso per mettere in chiaro la situazione ed avviare il relativo iter burocratico circa la pubblicazione di un bando ad evidenza pubblica. Durante l’incontro, il sindaco metropolitano si é soffermato sulla urgenza di intervenire tempestivamente sullo stato di degrado in cui si trova la struttura, abbandonata e spesso vandalizzata. La stima del valore dei locali ammonta a circa trecento ottantamila euro, così come elaborato dai tecnici del Servizio Patrimonio, edilizia e manutenzione della Città di Catania. Pogliese ha delineato le potenzialità ricettivo-alberghiere della struttura e a queste intende vincolarne la destinazione d’uso. Durante l’incontro, svoltosi al V piano del Palazzo di Città, non è mancato il sostegno del Sindaco Naso e del deputato regionale on. Gaetano Galvagno che, soddisfatti della sinergia con la città metropolitana, sperano che la proposta di vendita possa essere accolta da qualche valido imprenditore, pronto ad investire per la rinascita turistica ed economica del comprensorio. Una grande opportunità dunque per l’intera comunità.

Laura Di Marco
Laura Di Marco Autori Zonafranca
Classe 1979, laureata in Filosofia e insegnante presso la Scuola Secondaria di Secondo Grado. Da sempre coltiva l’interesse per la lettura, le gite fuori porta e gli animali. Crede che bisogna sempre mettersi in gioco e leggere opportunità laddove ci sono ostacoli.

Be the first to comment

Rispondi