Ospedale SS. Salvatore, nuovo incontro con i vertici dell’ASP – Il sindaco Naso :”Siamo vigili sulle sorti dell’ospedale e assicureremo un servizio degno della nostra comunità”

Riceviamo e pubblichiamo la nota del Sindaco di Paternò Nino Naso:


 

Il sindaco di Paternò, Nino Naso, ha partecipato ieri ad un’importante riunione con i vertici dell’ASP per definire i termini dell’atto aziendale e continuare a evidenziare l’importanza e la necessità di inserire alcune importanti unità operative, già presenti nel presidio ospedaliero, e in attesa di essere ufficializzate. Tra queste, lo ricordiamo, Endoscopia, Otorinolaringoiatria, Oculistica, Cardiologia e Psichiatria.

All’incontro era presente il manager dell’ASP 3 , dott. Maurizio Lanza, i primari,  i rappresentanti del Comitato in difesa dell’ospedale e alcuni deputati regionali del territorio.

Al centro del dibattito i report e gli obiettivi raggiunti dall’Ospedale SS. Salvatore, le criticità  che lo stesso presenta ma evidenziate  con l’intento di offrire un servizio sempre più efficiente ed efficace. “C’è la massima attenzione verso il nostro presidio- ha dichiarato il sindaco Naso- testimoniata dal lavoro attento e puntuale del dott. Lanza che ha manifestato la volontà di ufficializzare l’inserimento delle unità operative richieste nell’atto aziendale, ad eccezione della Psichiatria, per la quale mi sono già attivato. Nei prossimi giorni, insieme al presidente del Consiglio – Filippo Sambataro- all’on. Alfio Papale e Gaetano Galvagno, mi recherò a Palermo, alla Commissione Sanità, per ottenere un servizio importante per la nostra comunità. Sono contento del dialogo che finalmente riusciamo a costruire con i vertici dell’ASP ed è proprio questo dialogo che ci consentirà di dare delle risposte alla comunità ma anche ai nostri primari, mettendoli nelle condizioni di lavorare serenamente in un contesto che al momento presenta qualche criticità”.

L’incontro è stata l’occasione per discutere degli interventi strutturali che consentiranno l’apertura del primo piano del presidio, ad oggi interdetto a causa della messa in sicurezza di una trave.

“Gli interventi di questa amministrazione non sono finalizzati a colpevolizzare nessuno ma rappresentano semplicemente un modo costruttivo per dare risposte ad un’utenza di 80.000 persone che ogni anno usufruisco dei servizi del SS. Salvatore. Ringrazio il dott. Maurizio Lanza per la serietà e l’impegno che sta dimostrando nell’affrontare i problemi del nostro ospedale, e ringrazio parimenti tutti coloro che , a vario titolo, hanno a cuore il nostro Presidio”.

 

Redazione Administrator

Be the first to comment

Rispondi