La replica del sindaco Naso alle accuse dei Cinquestelle

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa con le dichiarazioni del sindaco Nino Naso sulla questione della nomina della giunta. 

“Si fa sentire, all’indomani della proclamazione della giunta assessoriale,  il M5S di Paterno’  con un video postato su FB e  girato da Marco Gresta, Martina Ardizzone e Claudia Flammia.

Il video riprende un formale comunicato  diramato per informare i cittadini e l’Amministrazione sulla violazione di legge del sindaco riguardo la nomina della giunta comunale. Secondo la legge nazionale Del Rio del 2014, in un Comune con popolazione superiore a 3.000 abitanti, la presenza di entrambi i sessi deve essere rappresentata con una percentuale non inferiore  ad almeno il 40%. La recentissima composizione degli assessori a Paterno’ non rispetterebbe la suddetta  norma.

I Pentastellati paternesi precisano che la loro volontà non vuole essere altro che un modo per informare i cittadini e vigilare sul rispetto delle norme ed eventualmente un monito per il sindaco. Aspettano risposte al riguardo o andranno avanti  con l’iter burocratico per avviare  un processo per garantire il rispetto delle regole.

Arriva questa mattina la precisazione del sindaco di Paterno’ Nino Naso, il quale ha affermato che la legge Del Rio  non è mai stata recepita dalla Regione a statuto speciale Sicilia nella parte in cui prescrive l’obbligatorietà di una percentuale di genere non inferiore al 40% nelle giunte comunali.

Il legislatore regionale ha introdotto nell’ordinamento siciliano altre parti della legge 56/ 2014 (Del Rio) ma non questa parte. Considerato che la regione siciliana è a statuto speciale, per  per avere efficacia ed applicazione la legge Del Rio nel territorio siciliano deve essere espressamente ed integralmente recepita dall’ARS, non essendo ciò avvenuto ne consegue che la disposizione di legge invocata dal Movimento 5 stelle non è vigente per la Regione Sicilia. Ciò in ossequio al brocardo “Ubi lex non dixit, non voluit.”

Redazione Administrator

Be the first to comment

Rispondi