La medaglia d’oro dell’inciviltà è sempre di Paternó

La nostra scalinata della Matrice, la scalinata settecentesca della nostra Collina storica, è il sito preferito dagli incivili presenti in gran numero qui a Paternò: questo gioiello di architettura, questa testimonianza della nostra storia è una vittima costante di atti vandalici. Su quelle scale, che amerebbero di certo essere collacate altrove, il degrado è costante. Anche le segnalazioni da parte dei cittadini civili sono costanti, ma evidentemente il male che affligge Paternò è di natura incurabile. E ci dispiace prendere atto di questo; ci dispiace cadere nella retorica e sottolineare, perennemente, come nei paesi limitrofi (e non stiamo parlando della Svizzera) gli atti vandalici, il degrado, il tripudio di spazzatura per le strade a tutte le ore siano fenomeni rari.

Cettina Caliò
Cettina Caliò Autori Zonafranca
Cettina Caliò dice di sé: “Nasco ossimoro: sono un sognatore realista”, e dicono di lei: “Sei una rompiballe epica”. Ha studiato presso la Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori di Roma e presso la Facoltà di lingue e letterature straniere di Catania. Scrive per Zona Franca da tre anni; lo ha visto nascere al tavolo di un bar, una mattina di primavera. Si occupa di insegnamento privato e di insegnamento on-line della lingua inglese. Scrive poesie e racconti. Sostiene di scrivere perché ha nostalgia di tutti i momenti in cui si è sentita viva. Ama le parole di due sillabe e gli autogrill. La musica classica è la sua variante del silenzio. Divide le persone in due categorie: quelle in gamba e quelle che non lo sono. Legge molto perché, afferma, le piace andare lontano restando vicino. Ha pubblicato 4 libri di poesie e ottenuto significativi riconoscimenti in ambito nazionale. Figura su riviste e antologie letterarie.

Be the first to comment

Rispondi