La festa dei morti e Halloween: tradizioni a confronto

Di Agata Rizzo .

Halloween o Festa dei Morti? La domanda sembrerebbe retorica, con la festività imminente e con i mass-media che danno ampia risonanza soprattutto ad Halloween. Ma siamo in Sicilia, la terra dove per secoli si è festeggiato la “Festa dei Morti”, una tradizione bellissima dedicata ai bambini e non solo, e allora la domanda diventa legittima….

La Sicilia è terra ricca di tradizioni e feste popolari molto antiche che si tramandano da generazioni e che ne fanno una regione affascinante e allo stesso tempo misteriosa. Alcune di queste sono accompagnate da leggende e credenze che mescolano il sacro con il profano, la realtà con la fantasia. È il caso del 2 novembre, giorno dedicato alla commemorazione dei defunti, che dalle nostre parti viene vissuto in maniera tutt’altro che triste, tanto da essere chiamato il giorno della Festa dei Morti. I cari defunti, che nell’immaginario collettivo sono cupi e addolorati, si trasformano in generosi e burloni e la notte tra l’1 e il 2 novembre abbandonando per qualche ora le loro eterne dimore, distribuiscono giocattoli, dolci e vestiti ai bimbi buoni, nascondendoli negli angoli più strani della casa. Al mattino ogni bambino inizia la sua frenetica corsa alla ricerca dei tanto attesi regali che di solito si trovano sotto il letto, sopra l’armadio, dentro i cassetti, ecc.. I maschietti generalmente trovano pistole giocattolo, robot, automobiline, trenini elettrici ed interi cantieri in miniatura; le femminucce trovano le classiche bambole che piangono senza il ciuccio, Barbie, cucine con tutto il pentolame al seguito. Non mancano cestini con i tipici dolci dei morti: i frutti di martorana, i totò, gli ossi dei morti, le rame di Napoli, la cotognata, ecc

Poi tutti assieme si va al cimitero a portare fiori, a ringraziare i propri cari per la loro generosità e a ricordarli come quando erano in vita.
 Eppure oggi se un bambino vestito da mostriciattolo viene a suonare alla porta brandendo la frase “Dolcetto o scherzetto” e pretendendo da noi dolci in cambio di protezione, o se veniamo invitati ad una festa in maschera in mezzo a streghe, vampiri e zombie, o se qualcuno arreda la casa con zucche vuote illuminate da una candela, quasi non ci facciamo più caso e accettiamo passivamente la trasformazione della Festa dei Morti in Halloween. Questa nuova festa, arrivata da noi dagli Stati Uniti grazie ai centinaia di telefilm made in U.S.A che popolano la nostra televisione, in realtà ha origini molto antiche. Secondo la leggenda, il 31 di ottobre, l’ultimo giorno dell’antico calendario celtico (600 a.C.), gli spiriti dei defunti vagavano per la terra alla ricerca di un corpo da possedere per ritornare in vita. I celti, al fine di scoraggiare gli spiriti, spegnevano ogni fuoco, rendevano fredde le loro case e si abbruttivano il viso e il corpo. La tradizione è poi giunta in America nel 1840, quando gli irlandesi emigrarono verso il nuovo mondo. Oggi gli americani l’hanno trasformata in una festa in maschera, simile al nostro carnevale ma in versione horror, ed è un modo come un altro per ridere dell’idea della morte. Bambini ed adulti, vestiti in modo spaventoso, portando cesti vuoti, girano per le strade e facendosi luce con originali lanterne ricavate da zucche chiamate Jack-‘O-Lanternbussano di porta in porta dicendo “ Trick or Treat”(dolcetto o scherzetto). Chi apre la porta e non dona dei dolci, subirà la vendetta dei bambini con degli scherzi! Queste due tradizioni, generate dallo stesso principio ma sviluppatesi in maniera del tutto differente, ci mostrano ancora una volta quanto il mondo sia vario e allo stesso tempo bello.

È giusto conoscere e capire gli altri, ma questo non vuol dire emularli a tal punto da dimenticare da dove veniamo e quali tesori possediamo già. 
Ci riusciremo? Chissà….

BUONA FESTA DEI MORTI!!!

Redazione Administrator

Be the first to comment

Rispondi