Il vice sindaco Mannino aggredito stamattina: immediate le verifiche sull’accaduto.

Paternò (CT) – Spiacevole episodio di aggressione oggi a Paternò. Vittima di tale evento è il vice Sindaco Ignazio Mannino,  mentre lo stesso stava per recarsi al lavoro, intorno alle otto del mattino, nei pressi della  sua abitazione, in zona di via Circonvallazione.   Tre persone a volto scoperto  lo hanno fermato, compiendo un vero e proprio pestaggio a colpi di bastonate, calci e pugni.  Al momento Mannino si trova  ricoverato al Pronto soccorso di Paternò per i primi accertamenti e da una sua prima dichiarazione sembra che, per fortuna, le sue condizioni non siano tali da destare preoccupazione.

Sul fatto stanno indagando i Carabinieri della Compagnia locale per individuare gli autori dell’aggressione e capire se il movente sia legato all’attività amministrativa o  sia invece maturato nell’ambito della sua sfera personale. Secondo indiscrezioni la sua attività politica non sarebbe collegata con l’accaduto.  Mannino è noto nel suo ambiente  per il suo encomiabile impegno verso la città ed ha dimostrato in più occasioni di avere un atteggiamento sempre rispettoso e di grande stile. Al di là delle motivazioni riteniamo che l’aggressione consumata ai danni di Mannino sia un gesto davvero vergognoso che mostra la bassezza degli autori.

Lorenza Bonanno
Lorenza Bonanno Autori Zonafranca
Laureata in Filosofia e Storia. Formatrice aziendale specializzata nella progettazione, gestione e valutazione dei processi formativi aziendali. Counsellor specializzata nel campo educativo-sociale e anche nelle dinamiche di Gestione delle Risorse Umane nei contesti aziendali. Responsabile di Funzione in Human Resources , si occupa dei processi aziendali nell’ambito della gestione del personale. Giornalista pubblicista, unisce la passione di scrivere con la sua esperienza nel campo delle relazioni con le persone. Da questo nasce lo spazio su zona Franca “Franca-mente”dove si raccolgono incipit  su tematiche  relative alla “relazione di aiuto”.

Be the first to comment

Rispondi