“Il Filo della vita” e la prevenzione come stile di vita

C’è chi si fa piegare dai problemi e chi ne acquisisce forza e coraggio come i membri dell’associazione “Il Filo della Vita” che si occupa di prevenzione del tumore alla mammella.

Nata a Catania e diramatasi nella Sicilia orientale l’associazione, attiva da 4 anni con 400 socie iscritte, molte delle quali hanno lottato contro il mostro chiamato tumore, ha lo scopo di promuovere, realizzare e gestire progetti riguardanti l’importanza della diagnosi precoce.

Durante una conferenza svoltasi a Paternò e organizzata da Patrizia Befumo e Michela Bottino,  moderata dalla giornalista Mary Sottile, a spiegare l’importanza della prevenzione sono intervenuti la dott.ssa Rosanna Aiello (oncologo),  la dott.ssa Serena Cubisino (nutrizionista), il sindaco  Nino Naso, l’assessore Francesca Chirieleison e l’on. Gaetano Galvagno .

A chiarire lo scopo dell’associazione  che punta molto sull’importanza della sensibilizzazione verso un approccio più umano nella gestione della malattia. la presidente Enza Marchica :

“Cerchiamo di stimolare le autorità sanitarie locali al miglioramento delle strutture esistenti per consentire agli ammalati di curarsi nelle proprie sedi di appartenenza, senza affrontare i i cosiddetti viaggi della speranza – dichiara la dott.ssa  Marchica -. L’obiettivo primario dell’associazione è quello di diffondere la cultura della prevenzione. Abbiamo verificato nelle nostre conferenze itineranti nei vari comuni della Sicilia che ancora tantissime donne non ne fanno abbastanza. Nella lotta al tumore la prevenzione è fondamentale. Solo attraverso una diagnosi precoce è possibile individuare tempestivamente la patologia”.

Il tumore al seno è oggi la neoplasia femminile più frequente. Sebbene sia la principale causa di morte per neoplasia tra le donne, la diagnosi precoce oggi favorisce la guarigione nel 90% dei casi.

L’associazione, inoltre, ha un comitato scientifico che segue le donne operate nel percorso e punta a fargli mantenere la propria femminilità fornendo, anche a chi ha dei disagi economici, parrucche .

“Le donne devono prendersi cura del proprio corpo – continua la presidente – , non devono sottovalutare eventuali campanelli d’allarme, non devono avere paura di chiedere e di informarsi” .

Fondamentale in questo percorso di rinascita è seguire uno stile di vita “anti-cancro”, ovvero, fare attività fisica e seguire una alimentazione corretta in modo che, sia nel corpo che nell’anima, si inneschino sinergie positive.

John Diamon afferma: “Il cancro è una parola, non una sentenza”.

Da questa affermazione non rimane che lottare per vincere. Sì, lottare per vivere.

Francesca Putrino
Francesca Putrino Autori Zonafranca
Eclettica, vulcanica, irruente, la Putrino, così denominata, si è laureata in scienze della comunicazione nel 2008 conquistando il tesserino di giornalista nel 2011. Con dieci anni di esperienza televisiva alle spalle, il suo punto forte sono le conduzioni di programmi di cronaca e attualità. Collaboratrice del Corriere Sociale e del quotidiano La Sicilia, ha una predilezione per le buone notizie. Social Media Manager, trova particolarmente interessanti i Social con i quali cura e promuove chi segue professionalmente. Diplomatica, ma con pochi filtri, crede nella comunicazione emotiva quella capace di solleticare, in bene o in male, il lettore. Positiva per eccellenza, in ogni baco vede una potenziale farfalla; crede fortemente che comunicare possa essere la soluzione a diversi mali della vita. Vive sempre ciò che sente e sente sempre ciò che vive. Potete leggerla anche sul suo blog www.bigodiniacolazione.com

Be the first to comment

Rispondi