Il bilancio del primo anno di amministrazione: intervista al vice sindaco Ignazio Mannino

Abbiamo chiesto al vice sindaco Ignazio Mannino di raccontarci il lavoro dell’amministrazione comunale.

“Questo primo anno di lavoro è una fase di semina: propedeutica e vincolante alla raccolta di risultati importanti, e necessaria per tracciare un percorso di crescita che punta alla pianificazione. Abbiamo inaugurato un metodo che mira a sviluppare un processo che permette di chiarire gli obiettivi e analizzare criticità. Abbiamo lavorato per ottenere il massimo profitto con le poche ma ottime risorse in forza all’Ente; ciò ha permesso di ottenere i seguenti finanziamenti:

Ex Macello 600.000 € per il recupero e riuso che consentirà di creare un centro di formazione culturale e artigianale finalizzato all’inserimento nel mondo del lavoro.

Potenziamento del centro comunale di raccolta (isola ecologia) 320.000 € per isole ecologiche mobili, sistemi di smaltimento di rifiuti speciali e video sorveglianza.

Contratti di quartiere: l’amministrazione Naso ha recuperato il finanziamento che prevede la riqualificazione della zona Scala Vecchia-Palazzolo con alloggi popolari e la realizzazione di sede stradale e illuminazione pubblica per un totale di 7milioni di euro.

Finanziamento per acquisto  dei contenitori per la differenziata 

1 milione di euro per l’efficientamento energetico della scuola G.B. Nicolosi in via Scala Vecchia, e 800.000 € per il completamento dei lavori al IV circolo di viale Kennedy. Abbiamo inoltre presentato richiesta di finanziamento per 12.5 milioni di euro per la sicurezza delle scuole nell’ambito dei Pon, e richiesto il finanziamento per un altro milione di euro per la riqualificazione della Villa Moncada.

Siamo stati ammessi in graduatoria per un finanziamento di 5,5 milioni di euro per il rifacimento di viale Kennedy, via Alcide De Gasperi e del convento di San Francesco alla Collina”. Abbiamo voluto fortemente una Fiera di Settembre, che potesse essere orgoglio della nostra città e testimone del nostro patrimonio artigianale.

Cosa può dirci in merito al controllo del territorio, che spesso è sporco per scarso senso civico.

“In sinergia con il sindaco abbiamo lottato affinché il nostro Comune uscisse dalla lista nera dei cattivi pagatori, ricucendo un rapporto fiduciario con le piattaforme di smaltimento dei rifiuti differenziati; e abbiamo potuto così avviare il processo della differenziata che ci ha portato dal ridicolo 18% ad un ottimo 37% che oggi ci permette di risparmiare a beneficio dei cittadini e del Comune.

Abbiamo la percezione di strade più sporche solo perché abbiamo scelto di non ritirare il rifiuto conferito in modo errato e di multare chi non differenzia. Inoltre è già pronta la gara che porterà un miglioramento del servizio di pulizia  e spazzamento di tutte le vie cittadine”.

La tenuta della strade peggiora; spesso la gente a piedi cade e si ferisce a causa dalla rottura dell’asfalto. C’è in programma qualche intervento per migliorare la situazione? 

“La Manutenzione delle strade cittadine non è più ordinaria ma straordinaria e pertanto stiamo intervenendo con azioni a tampone e con la pianificazione e ricerca di fondi per la risoluzione permanente della questione che non è mai stata adeguatamente presa in considerazione negli ultimi 10 anni”.

Il vice sindaco conclude affermando che questa amministrazione ha fatto prevalere la filosofia del “We can”, noi possiamo …avere una Paternò migliore. Lo speriamo anche noi.

 

Be the first to comment

Rispondi