Facciamo un po’ di sport ?

 

Mens sana in corpore sano (Giovenale. Sat. X 356) . La citazione è d’obbligo: “Mens sana in corpore sano”, si tratta di una frase tratta da una nota sentenza trascritta da Giovenale “bisogna chiedere agli dei che la mente sia sana”. Oggi siamo alla continua ricerca di benessere ed abbiamo davanti, senza accorgercene la saggezza più antica del mondo: fare movimento rende più sani. L’esercizio fisico è ritenuto condizione indispensabile per l’efficienza della facoltà spirituale; per l’igiene mentale. Gli studi attuali hanno evidenziato che l’esercizio fisico ha diversi risvolti positivi per il benessere della persona. Ad esempio aumenta la resilienza, combatte l’ansia, accelera la mente, protegge contro la demenza. Alcuni studi effettuati su cavie, hanno dimostrato che l’esercizio fisico riorganizza il cervello in modo che sia più resistente alle sollecitazioni. L’esercizio fisico regola il rilascio della noradrenalina nel cervello, che è coinvolta nelle risposte a stress e panico. Viene interessata quindi la parte del cervello chiamata ippocampo ventrale. Ma vi sono anche ulteriori prove che dimostrano che per aumentare la propria energia, ridurre tensioni e migliorare umore, posiamo certo trovare delle alternative allo sport come parlare con amici o ascoltare musica. Ma per avere una vera e propria trasformazione del cattivo umore in buono, l’esercizio fisico è il metodo più efficace. Muoversi e allenarsi non cura, ma può certamente aiutare. Gli effetti possono avere un così grande impatto all’inizio della terapia da poter sostituire senza problemi gli anti-depressivi. La cura “dell’attività fisica” è stata studiata anche in relazione al momento di massimo riposo per l’uomo: il sonno. La relazione tra esercizio fisico e il sonno è più complicata di quanto si possa immaginare. Non è necessariamente vero che l’esercizio fisico faccia stancare, e conseguentemente si dorma meglio. Per esempio, uno studio sull’insonnia ha dimostrato che 45 minuti su un tapis roulant non fa dormire meglio la notte. Tuttavia, lo studio ha trovato che l’esercizio eseguito con costanza, aiuta a dormire meglio nel lungo termine. I partecipanti con insonnia che mantenevano i loro programmi di esercizio per sedici settimane hanno ottenuto un sonno migliore di quelli che non hanno eseguito alcun esercizio. Insomma, sarebbe regola d’oro prenderci cura di noi in maniera più naturale e benefica possibile, inserendo nel nostro tenore di vita, movimento, sorrisi e pensieri positivi!

Be the first to comment

Rispondi