Eclissi lunare da record. Il Gruppo Astrofili Catanesi riempie piazza Europa

Nella calda serata di venerdì 27 luglio, una meravigliosa eclissi lunare ha incantato Catania intera. La Luna, che è sorta intorno alle ore 20:00, era già in fase di penombra. La graduale transizione verso la totalità (ore 22:22) ha permesso agli osservatori di apprezzare la variazione di colore: nella fase di ombra, la Luna si tinge di rosso in seguito alla dispersione cromatica dell’atmosfera terrestre. Le lunghezze d’onda più lunghe, come il rosso, sono le uniche a raggiungere la superficie lunare (vedi illustrazione NASA). 

Nell’arco della serata, oltre 4000 persone hanno riempito piazza Europa. L’esperienza del Gruppo Astrofili Catanesi (GAC) non ha deluso: le opinioni, già durante la serata, sono state positive, e la gente, che per la prima volta osservava al telescopio, era entusiasta. Lo scriviamo con grande sicurezza: Zona Franca ha infatti seguito l’intero evento. 

Presenti anche due astronomi dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF). Mentre l’eclissi evolveva in cielo, i due studiosi hanno intrattenuto le folle di curiosi al microfono illustrando le meraviglie del sistema solare. Il GAC ha messo a disposizione — oltre che la strumentazione — anche un maxi-schermo, sul quale sono state proiettate in diretta le immagini della Luna e dei pianeti visibili (Marte, Giove e Saturno). 

Insomma, eventi come questo testimoniano che la scienza non si pratica nella torre d’avorio, che gli scienziati sono vicini alla comunità e che le associazioni di amatori, come il GAC, sono sensibili all’importanza della divulgazione. E noi di Zona Franca, non possiamo essere che lieti di confermare.

 

Giuseppe Russo
Giuseppe Russo Autori Zonafranca
Giuseppe Russo studia Fisica all’Università degli Studi di Catania e si interessa di astronomia. È appassionato anche di storia e filosofia, per questo non ha abbandonato l’affetto per le discipline umanistiche. Crede che la divulgazione sia uno dei cardini della cultura scientifica. Nel tempo libero si occupa di fotografia astronomica.

Be the first to comment

Rispondi