Duplice omicidio a Ucria, a Paternò una manifestazione contro la violenza

Riceviamo e pubblichiamo la nota con la quale il sindaco di Paternò – Nino Naso- interviene sui fatti accaduti ad Ucria, lo scorso 15 agosto.
“In riferimento ai recenti e tristi fatti accaduti a Ucria lo scorso 15 agosto che hanno visto coinvolto il paternese Salvatore Russo, fatti oggetto di indagine da parte della Magistratura, questa Istituzione Comunale intende organizzare una manifestazione per ribadire con determinazione che la nostra comunità è contro ogni tipo di violenza.
Il giovane paternese coinvolto, stando a quanto emerso, non ha né cercato né voluto alcuna lite con chicchessia. Ha invece semplicemente difeso come ha potuto se stesso, la sua famiglia e gli affetti più cari. La presenza dei figli, della moglie, dei nipoti, della sorella – parliamo di cinque bambini e due madri di famiglia, nel luogo della colluttazione e con il pericolo evidente della loro incolumità – ha fatto scattare l’istinto di autodifesa.
La nostra manifestazione rappresenterà un gesto di vicinanza e di affetto nei confronti di una famiglia profondamente provata, quella di Salvatore Russo, che in questi giorni vive momenti di grande disperazione per le sorti delle indagini portate avanti dalla Magistratura, che rispettiamo e che saprà certamente chiarire quanto accaduto ad Ucria.
Esprimiamo la nostra vicinanza alla comunità di Ucria ugualmente provata da altrettanto dolore, comunità che i paternesi conoscono bene e che hanno sempre apprezzato per la sua accoglienza.
La manifestazione avrà luogo mercoledì 28 agosto alle ore 10:30 in Piazza Umberto.
Si invitano tutta la cittadinanza, le istituzioni, le associazioni a partecipare per stringersi attorno alla famiglia di Salvatore Russo e per ribadire la nostra distanza e contrarietà ad ogni qualsivoglia forma di prevaricazione e violenza“.
                                                                                                                                 Il Sindaco di Paternò
                                                                                                                                       Antonino Naso

Redazione Administrator

Be the first to comment

Rispondi