Anticipazione di cassa, il sindaco Naso incontra il vice ministro Candiani : si riaccende la speranza

Una delibera che non arriva nei tempi regolamentari, un consiglio comunale che non raggiunge il numero legale per mancanza di tre consiglieri della maggioranza e di tutta l’opposizione che non entra in aula. Sulla delibera per l’anticipazione di cassa sembrava esserci poco da discutere. Era un’opportunità offerta ai Comuni. Non un prestito, non un mutuo, ma una semplice e chiara anticipazione di cassa, prevista dalla legge. In questi giorni,  duri gli scontri tra maggioranza e opposizione. Siamo in democrazia e ognuno può dire la sua. Dispiace però che a pagarne le conseguenze siano sempre i cittadini: gli artigiani, le imprese, i professionisti che ancora aspettano di essere pagati. Uno spiraglio di speranza arriva proprio in queste ore in cui il sindaco Naso ha raggiunto la capitale per chiedere una proroga al Ministro Candiani che lo ha ricevuto stamane.  Sui social ha rilasciato una dichiarazione: “Amo troppo la mia Paternò, non potevo starmene con le mani in mano!
Dopo l’iniquità compiuta dai consiglieri di opposizione che con il loro comportamento scellerato, hanno negato alla loro Città di poter approfittare di una straordinaria opportunità data dallo Stato a tutti i Comuni d’Italia.
Ebbene, dopo aver scritto all’ANCI, chiedendo di attivarsi per una riapertua dei termini, e devo dire di aver trovato una grande disponibilità, stamattina presto, sono atterrato a Roma, per raggiungere il Senato, dove ho incontrato un importante esponente del Governo, il Vice Ministro Senatore Stefano Candiani, il quale mi ha dato ampia disponibilità.
Speriamo bene per la nostra Paternò! Io non mi fermo!
#Paternòeipatetnesiprimaditutto”.

Anche noi amiamo Paternò e speriamo che la lezione sia servita a tutti: alla maggioranza che ha la responsabilità di governare e di presentarsi compatta agli appuntamenti importanti senza “se” e senza “ma” e all’opposizione che ha il dovere di vigilare sull’operato dell’amministrazione ma anche quello di fare gli interessi della città, innanzi TUTTO.

Redazione Administrator

Be the first to comment

Rispondi