Al Piccolo Teatro di Paternò la commedia “Zoccu non piaci a tia ad autri… non fari”.

(Foto di Maurizio D’Alì ) .La compagnia “Il Saraceno” di Turi Fallica, nata da pochi anni, è ormai una realtà nota al comprensorio per l’impegno profuso nella promozione della cultura e delle tradizioni siciliane. Dal teatro all’opera dei pupi, passando per l’organizzazione di laboratori ludo-didattici, non smette di divertire e di tramandare.

Domenica scorsa è stata presente al Piccolo Teatro di Paternò, portando in scena un’inedita commedia in due atti ideata da Pippo Torrisi, che vanta un ricco trascorso teatrale con esperienze di recitazione presso il Club d’Arte Ibla, ex compagnia di Tano Parisi; la Fenice di Catania e il Teatro Giovane “Turi Pappalardo”. Questa volta non più solo maschera, personaggio, interprete, bensì autore, commediografo. Desideroso di regalare al pubblico una storia frutto delle proprie idee, Torrisi ha elaborato la vivace “Zoccu non piaci a tia ad autri… non fari”, tessendo i nodi della vicenda intorno al protagonista principale Don Peppino Lanzafame. L’autore, che ne ha interpretato anche la parte, ne ha fatto un “personaggio tipo”, conferendogli i caratteri del capo famiglia, marito e padre padrone, pieno di sé grazie ai proventi delle sue terre. I soldi, la sua ossessione tanto da obbligare la moglie ad un estenuante senso del risparmio e la figlia a trovare ricco marito, non curandosi della simpatia che la ragazza nutre per un umile giovane. Accecato dal delirio che i soldi possono tutto, agisce indistintamente con arroganza e sfrontatezza. Saranno la solidarietà e la sagacia tutta al femminile il suo Saturno Contro, facendosi di lui beffa e portandolo alla rovina.

Una vicenda che ha divertito non poco la numerosa platea, investita da esilaranti gestualità e da espressioni tipicamente dialettali.

Gli interpreti hanno saputo dare carattere ai rispettivi personaggi, regalando un goliardico spettacolo di intrattenimento ma al tempo stesso una riflessione sul fatto che il denaro tutto non può.

 

Laura Di Marco
Laura Di Marco Autori Zonafranca
Classe 1979, laureata in Filosofia e insegnante presso la Scuola Secondaria di Secondo Grado. Da sempre coltiva l’interesse per la lettura, le gite fuori porta e gli animali. Crede che bisogna sempre mettersi in gioco e leggere opportunità laddove ci sono ostacoli.

Be the first to comment

Rispondi