Scuole a Paternó. Facciamo il punto della situazione

Convocati, questo pomeriggio, presso la stanza del sindaco Nino Naso, i dirigenti scolastici della città.
Presenti gli assessori Mannino e Maiolino e gli ing. Saccone, Teghini e Ciancio.
Un tavolo operativo, che si è avvalso del punto di vista delle figure dei tecnici presenti e che ha avuto al centro la necessità di attingere ai contributi del PO – FESR Sicilia 2014-2020 per l’edilizia scolastica.
Occorrerà, da parte delle istituzioni scolastiche, provvedere alla compilazione di un dettagliato dossier per la classificazione della vulnerabilità delle strutture.
I contributi serviranno per l’esecuzione di indagini diagnostiche e per l’effettuazione delle verifiche tecniche finalizzate alla valutazione del rischio sismico degli edifici scolastici nonché al conseguenziale aggiornamento della relativa mappatura. Successivamente si potrà essere in gioco per l’attribuzione di importanti ed ulteriori somme per l’edilizia scolastica.
Il sindaco ha ricordato che “la zona paternese è a bollino rosso quanto a rischio sismico, la sicurezza dei nostri figli è prioritaria e la mia intenzione è quella di raggiungere il massimo grado di sicurezza delle strutture scolastiche. Si sta avviando un lavoro in sinergia con le nostre scuole, c’è in ballo un finanziamento di circa 25 milioni di euro e noi vogliamo partecipare per attingerne una quota. Abbiamo 50 plessi da mettere in sicurezza, non vogliamo essere colti di sorpresa o arrivare quando potrebbe essere troppo tardi, è una grossa responsabilità per noi. È intenzione di questa amministrazione, -ha anche aggiunto- aprire gare per reperire operatori che possano frattanto garantire gli interventi di ordinaria manutenzione delle strutture scolastiche”.
Ciascuna istituzione scolastica dovrà pertanto procedere entro il 13 ottobre alla presentazione delle domande.
Frattanto il sindaco ha rassicurato i genitori degli alunni del IV circolo affermando che i lavori, iniziati a luglio per la consegna di 10 classi, sono andati avanti malgrado tre atti di vandalismo registrati lungo i mesi estivi. Non ci saranno doppi turni e al momento le classi saranno allocate in altre strutture .
A fine ottobre o al massimo subito dopo le vacanze di Natale le 10 aule del IV circolo didattico saranno ultimate e consegnate.
Sono state reperite anche 22 aule per l’Istituto alberghiero che troverà posto tra gli ambienti del plesso Marconi 2, del liceo classico e negli istituti scolastici presenti in zona scala vecchia. Anche il plesso Falconieri sarà presto consegnato alla Marconi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: